Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_londra

Grafica Italiana 4. Manifesti

Data:

13/02/2018


Grafica Italiana 4. Manifesti

Con Leonardo Sonnoli e George Hardie

"Grafica Italiana" è una serie di sei incontri sul design grafico e la comunicazione visiva in Italia nel XX secolo. Sei capitoli di un’ipotetica storia della grafica italiana contemporanea, liberamente selezionati, per capire come i graphic designer siano intervenuti nelle vicende del paese, contribuendo a dare forma e identità alla sua realtà sociale, economica e culturale.

Nel quarto appuntamento della serie, Leonardo Sonnoli e George Hardie si confronteranno sul design di manifesti, a partire dall’ambiguità del termine italiano “manifesto”, che definisce sia un testo programmatico sia un foglio stampato di ampie dimensioni esposto in pubblico.

Per la sua natura effimera [il manifesto] rimane la migliore e puntuale espressione visiva dello spirito del tempo e del luogo. E per la sua natura autoriale rimane l’artefatto che esprime meglio di altri le capacità espressive di un designer: disegnare un manifesto è come correre nei 100 metri in cui in breve tempo si concentra tutto, a differenza, per esempio, del progetto di un’identità visiva che è simile ad un Giro d’Italia: un capitano supportato da una squadra in un percorso lungo con difficoltà sempre diverse. (Leonardo Sonnoli)

Il programma completo degli incontri è disponibile sul poster a fianco, disegnato da Leonardo Sonnoli.

Con il patrocinio di:
AGI – Alliance Graphique Internationale
AIAP – Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva


[PRENOTA ORA]


Leonardo Sonnoli ha collaborato con, tra gli altri, la Biennale di Venezia, la Reggia di Versailles, il Centre Pompidou, Palazzo Grassi-Fondazione François Pinault, il Mart di Rovereto, la Sovrintendenza per il Patromonio Archeologico di Roma, il New York Times, le ferrovie francesi SNCF e Artissima. Ha insegnato alla Rhode Island School of Design (USA) e allo IUAV di Venezia, attualmente è docente presso l’ISIA di Urbino. Suoi lavori sono inclusi in numerose collezioni pubbliche in tutto il mondo ed è stato insignito di prestigiosi riconoscimenti quali il Premio Rodchenko, la medaglia d’argento alla Triennale di Toyama in Giappone, il primo premio alla Biennale di Hangzhou (Cina), il Merit Award dell’Art Directors Club New York e, nel 2011, il Compasso d’Oro ADI. È membro di Alliance Graphique Internationale.

George Hardie è l’artista dietro alcune tra le più note copertine di album musicali del Novecento. Ha studiato grafica e illustrazione presso il Central Saint Martins e il Royal College of Art di Londra, per poi lavorare come grafico e illustratore per più di quarant’anni per clienti di tutto il mondo. Ha disegnato le copertine di album come Led Zeppelin (il debutto del gruppo omonimo) e The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd. Ha insegnato illustrazione all’Università di Brighton dai primi anni ottanta fino al 2014. È Segretario Internazionale di Alliance Graphique Internationale e Royal Designer for Industry.

 

Informazioni

Data: Mar 13 Feb 2018

Orario: Dalle 19:00 alle 20:30

Organizzato da : ICI London

Ingresso : Libero


2618