Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_londra

Iris Origo. A Chill in the Air

Data:

25/10/2017


Iris Origo. A Chill in the Air

Con Caroline Moorehead, Katia Lysy, Virginia Nicholson

In occasione della pubblicazione di A Chill in the Air: An Italian War Diary 1939-1940, l’Istituto Italiano di Cultura ricorda la figura della grande autrice inglese, della sua vita in Italia e in particolare della sua testimonianza durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Iris Origo nacque nel 1902 nel Gloucestershire. Viaggiò molto con i genitori dopo il loro matrimonio, in particolare in Italia, dove il padre contrasse la tubercolosi e morì nel 1910. Iris e la madre, Lady Sybil Cuffe, si stabilirono poi a Fiesole acquistando Villa Medici e sviluppando una solida amicizia con Bernard Berenson, che viveva non molto distante presso la villa I Tatti.
Nel 1924 Iris sposò Antonio Origo, figlio illegittimo del Marchese Clemente Origo. Si trasferirono quindi presso la loro nuova proprietà, La Foce, nei pressi di Chianciano Terme. La proprietà si trovava in uno stato di avanzato abbandono, su una collina spazzata dal vento e senza acqua corrente, ma il desiderio di ricostruire una nuova società (“il nostro condiviso sogno giovanile”, come Iris Origo lo ricordò in seguito) portò la coppia a riattarla a poco a poco.
Dopo la morte del figlio Gianni nel 1933, Iris Origo si dedicò alla scrittura pubblicando un’apprezzata biografia di Leopardi nel 1935, seguita nel 1938 da una biografia di Cola di Rienzo. Il suo libro Il mercante di Prato, pubblicato nel 1957 e basato su un’estesiva ricerca negli archivi del mercante Francesco di Marco Datini (1335-1410), è una preziosa risorsa per ogni studente della vita cittadina e mercantile dell’Italia medievale.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, gli Origo rimasero alla Foce per ospitare bambini rifugiati e, dopo l’armistizio dell’8 settembre, Iris Origo diede rifugio e assistenza a numerosi prigionieri di guerra alleati, che cercavano di attraversare le linee tedesche o semplicemente di sopravvivere.

Questo diario, finora inedito e recenemente ritrovato negli archivi di Iris Origo, è la triste e coinvolgente testimonianza delle cupe assurdità subite dall’Italia e dal mondo man mano che la guerra divenne sempre più inevitabile. L’autrice si trovava nella posizione ideale per poterne dare conto: estremamente impegnata nel mondo che la circondava (dai contadini che lavoravano sulla sua proprietà all’Ambasciatore americano in Italia), Iris Origo racconta dei disordini, dei pericoli e della terribile desolazione in Italia negli anni 1939-40, quando la guerra passò dall’essere semplicemente possibile ad una spaventosa realtà.
A Chill in the Air racconta l’inizio di un conflitto i cui catastrofici effetti sono documentati nel suo bestseller Guerra in val d'Orcia. Diario 1943-1944.

[BOOK NOW]

Caroline Moorehead è storica e biografa, ha scritto una biografia di Iris Origo (Iris Origo: Marchesa of Val D'Orcia, 2014) nonché libri sulla vita di Bertrand Russell, Martha Gellhorn e Lucy de la Tour du Pin. È inoltre autrice di un volume dedicato ai rifugiati, Human Cargo, e ha scritto e girato film sui diritti umani. Sta attualmente lavorando al quarto di una serie di libri sulla Resistenza, prima e durante la Seconda Guerra Mondiale. Il suo ultimo libro, A Bold and Dangerous Family, The Rossellis and the fight against fascism, è stato presentato il 14 giugno presso questo Istituto d Cultura con David Gilmour.

Virginia Nicholson si occupa di storia sociale. Ha collaborato con il Documentary department della BBC Television ed è membro del Charleston Trust, che amministra la Sussex farmhouse – ora un museo riconosciuto a livello internazionale – in cui visse sua nonna, l’artista Vanessa Bell.
Virginia Nicholson incontrò Iris Origo per la prima volta nel 1973. Ha scritto l’introduzione di War in Val d'Orcia (2017) ed è autrice, tra gli altri, dei volumi Among the Bohemians - Experiments in Living 1900-1939 (2002), Millions Like Us - Women’s Lives in War and Peace 1939-1949 (2011) e Perfect Wives in Ideal Homes - The Story of Women in the 1950s (2015).

Katia Lysy ha lavorato nel campo dell’editoria e come giornalista e traduttrice. Vive tra Roma e la Toscana meridionale dove assite la madre Benedetta, figlia di Iris Origo, nella gestione e nello sviluppo della proprietà di famiglia, La Foce.

 

Informazioni

Data: Mer 25 Ott 2017

Orario: Dalle 19:00 alle 21:00

Organizzato da : ICI London

Ingresso : Libero


2536